112.

di Valeria

– non mi fa più paura leggere il tuo nome.
– e cos’è che ti faceva paura prima?
– boh, probabilmente quell’h senza la c.